venerdì 13 ottobre 2017

Let's Five: i miei primi 5 manga

Buongiorno ♥ ci voleva una top five dopo tanto tempo. Oggi ho deciso di puntare sul nostalgico, riesumando i titoli dei miei primi manga, le pietre miliari della mia collezione. I primi manga non si scordano mai, giusto? Allora dopo la mia lista vi invito a commentare il post con i vostri primi manga, sono davvero curiosa!


Tokyo Mew Mew di Mia Ikumi
Quinta elementare: l'inizio di una grande ossessione passione. A quel tempo pattinavo ancora e un giorno ad un allenamento una mia amica, appassionata come me di cartoni animati, ha portato il primo numero di Tokyo New New, ed essendo fan della seria animata dovevo averlo. Stranamente l'edicola del mio piccolo paesino disperso sul Carso triestino ce l'aveva, e l'ho comprato all'istante: l'inizio di una grande passione. Ricordo che rimasi un po' delusa dal bianco e nero, così io e la mia amichetta di pattinaggio ci siamo divertite a colorare alcune parti. Va beh, avevo 10 anni, mi sono iniziata al mondo dei manga praticamente da sola quindi non capivo ancora l'arte del fumetto in bianco e nero. Di questo maho shoujo venne pubblicato il sequel Tokyo Mew Mew a-la-mode, che rientra tra i miei primi manga ma lo conto insieme a questo principale.


Ufo Baby di Mika Kawamura
Recensione. Inizio delle scuole medie prendevo l'autobus da sola per andare nel paesino accanto. Non so per quale ragione mi ero recata in edicola quel giorno, eppure solitario su uno scaffale, ho trovato lui: Ufo Baby volume 3 dell'edizione deluxe alias la fine del cartone animato che non avevo mai visto. Questo fumetto l'ho letto e riletto fino alla nausea e penso che lo rileggerei con piacere sempre. Avevo una cotta colossale per Kanata e fangirlavo tantissimo per il bacio tra lui e Miyu alla fine del manga. Anche questo ha un sequel di due volumi che conto insieme a questa serie.


Shaman King Hiroyuki Takei
Gita scolastica delle medie a Trieste, alla fermata dell'autobus in città c'era una piccola edicola e i miei occhi individuarono subito il volume 24 (immagine non a caso) di Shaman King, uno dei cartoni animati che mi ossessionavano in quel periodo. Chissenefrega se era il numero 24, dovevo averlo! Ammetto che la storia anime e manga è davvero tanto diversa, quindi a prima lettura non ci ho davvero capito niente finché non ho comprato il resto piano piano negli anni. La cover è qualcosa di fantastico!


Happy Ice Cream di Mika Kawamura
Ecco un altro manga dell'autrice di Ufo Baby, la mia mangaka preferita al tempo insieme a Mia Ikumi di Tokyo Mew Mew. Di queste mangaka ho recuperato tutto quello uscito in Italia e lo custodisco gelosamente visto che sono serie esaurite. Happy Ice Cream è uno shoujo fantasy di tre volumi, una storia spensierata che ha come fondo una leggenda giapponese.


Nuts Panic di Haruka Fukushima
Questo fumetto di quattro volumi è molto speciale, dovete sapere che all'inizio lo divisi con una mia amica delle medie: io avevo i volumi 1 e 3, lei aveva i volumi 2 e 4. Assurdo vero? Poi qualche anno dopo abbiamo deciso di completare la serie. L'amica con cui li ho divisi è tuttora una delle mie più care e strette amiche, una delle poche con cui potevo, e posso ancora, parlare di manga. Nuts Panic è una commedia degli equivoci divertente, frizzante con una nota di sopranaturale.


I primi tre sono super certa che siano stati loro, ammetto invece che gli ultimi due ho qualche piccola incertezza, potrei confondermi con Mirmo, Pani x Panic, Gals, Kodocha e SuperDoll Rika chan. Ho cercato di andare a memoria, se avessi dovuto elencare i miei primi dieci manga sarei stata più sicura della classifica. Aspetto i vostri commenti!

mercoledì 11 ottobre 2017

Recensione: Dolce Primo Amore - Amici d'infanzia o qualcosa di più?

Buongiorno ♥ oggi si recensisce, e il protagonista della giornata è Dolce Primo Amore di Ai Minase, shoujo dolce e zuccheroso concluso lo scorso agosto con dodici volumi pubblicati da Planet Manga. È uno dei fumetti più piacevoli degli ultimi anni e non vedevo l'ora di parlarvene in modo completo, penso di aver commentato tutti i volumi nella rubrica dei miei Acquisti.

Titolo: Dolce primo amore
Titolo originale: Hichimitsu ni Hatsukoi
Autore: Ai Minase
Casa editrice: Planet Manga
Anno di pubblicazione: 2015
Stato: concluso
Volumi: 12

"Koharu e Natsuki sono amici fin da piccoli e sono sempre andati d'accordo, tanto che sono convinti che niente potrebbe rovinare il loro rapporto ...ma è davvero così?"

Questo shoujo è il secondo manga di Ai Minase ad arrivare in Italia, infatti la mangaka ha debuttato con Namida Usagi che, se mi seguite da un po', sapete quanto l'ho detestato. Quando è stato annunciato Dolce Primo Amore ero parecchio restia se prenderlo o no, ma dopo aver scoperto che la storia avrebbe ruotato attorno a due amici d'infanzia, mi sono convinta a dare una seconda possibilità a questa mangaka: e ho fatto bene!

La storiella di Koharu e Natsuki mi ha presa un sacco nonostante sia tremendamente sdolcinata a ricca di banalità, ancora non mi capacito come una storia simile, con i suoi cliché, i mille retini sbrilluccicosi e le paranoie per il primo bacio, mi abbia rapita totalmente. 


Il punto di forza sono i due protagonisti, due amici d'infanzia-vicini di casa-compagni di classe, un lui e una lei cresciuti insieme, migliori amici, quasi fratelli, complici, il loro rapporto è molto profondo, complesso e invidiato.

Kahoru e Natsuki sono due personaggi allegri, scherzosi ed energetici, con due belle famiglie alle spalle e senza troppi drammi. Tutto cambia al liceo, tutto cambia quando Natsuki diventa popolare e quando Koharu viene notata da qualche ragazzo, conosceranno la gelosia che li porterà a capire che c'è qualcosa di diverso tra loro. La consapevolezza dell'amore a mio parere arriva anche troppo presto, però forse meglio così, risparmiandoci paturnie inutili, sarà invece più interessante il dopo, quando i protagonisti decideranno di mettersi insieme, quando certi confini verranno superati e quando si renderanno conto che le cose non potranno più essere come prima.

Natsuki è molto più maturo di Koharu, comprende già il cambiamento e si impone dei paletti, di procedere con calma, la sua esperienza precedente con le ragazze lo tiene in vantaggio. Koharu invece si comporta come sempre, nonostante dica di essere innamorata del suo migliore amico ha un processo più lento nell'avvicinarsi a Natsuki in un certo modo, l'amicizia precedente le fa fare gesti naturali che d'ora in avanti assumono un significato diverso. Mi è piaciuto il modo in cui viene trattata la loro relazione, è da una vita che non leggevo una love story tra amici d'infanzia (e ora che ci penso non mi viene in mente nemmeno un manga a parte Stardust Wink, ma sono due cose completamente diverse...), quindi da questo punto di vista era qualcosa di nuovo, di diverso, di meno superficiale dai colpi di fulmine.


Abbiamo anche diversi personaggi secondari e ognuno ha un ruolo ben preciso nella storia. Rivali e amici saranno fondamentali per lo sviluppo dei personaggi principali, quasi ognuno avrà qualcosa da fare e da dire per aiutarli a maturare la loro relazione.

Per i disegni non spenderei troppe parole perché mi piacciono davvero un sacco. Il tratto della Minase mi aveva conquistata sin da subito, dolce, molto shoujo, tanto espressivo e attento ai particolari. Se c'è un buon motivo per provare uno dei manga della Minase, quello è certamente il suo modo di disegnare: sono caduta pure io nella trappola la prima volta!

Il fumetto in generale mi è piaciuto, sono stati dodici volumi molto scorrevoli, l'unica pecca però l'ho trovata alla fine dove vengono inseriti i classici cliché conclusivi delle storie d'amore, in questo caso superflui e veloci. Anche durante il manga spuntano tanti shoujo cliché ma stranamente li ho trovati sopportabili. Come dicevo però, lo stesso non posso dirlo per il finale, che si è rivelato un polpettone romantico superfluo, ho apprezzato un sacco il penultimo arco narrativo, dove i due protagonisti per motivi di studio e futuro devono allontanarsi (sarà che è un po' quello che sto vivendo io?!), quindi risolto quello l'autrice poteva farla finita.

È uno shoujo che consiglio se siete alla ricerca di qualcosa di molto dolce, se vi sono piaciute opere come Hiyokoi ad esempio. Se non siete romanticoni e amanti dei classici shoujo allora vi conviene stare alla larga, anche se, ripeto, il rapporto ben costruito tra i due protagonisti gli da una marcia in più.

mercoledì 4 ottobre 2017

SHOUJO NEWS - Ricapitoliamo annunci, uscite e cofanetti

Buongiorno ♥ sto scrivendo un post, evviva! Forse il blocco dello scrittore da blog mi  passato (scrivevo fan fiction nel mentre), ora deve passare il blocco da lettore di manga. Mentre mi sforzo di leggere fumetti aspettando il miracolo, ho raccolto un po' di news che ho voluto raggruppare in questo post. Le novità che troverete qua sotto riguardano le uscite italiane di alcuni shoujo-e-non manga, era inutile fare un post per ognuno. Prossimamente però usciranno altre news tutte raccolte in un post simile!!


  • Planet Manga: il manga de La Bella e la Bestia

Titolo: The beauty and the Beast
Autore (disegni): Studio Dice
Uscita: 6 novembre 2017 tutti e due
Volumi: due, conclusa

Penso che non serva la trama, ma occorre specificare che i due volumi narreranno la storia classica da due punti di vista differenti: il primo volume sarà dal punto di vista di Belle, mentre il secondo dal punto di vista della Bestia. L'adattamento manga ripercorre gli avvenimenti del recente live action della Disney che vede come protagonista Emma Watson




  • Star Comics: uscite per le due nuove edizioni di Sailor Moon

Questa nuova ristampa di Sailor Moon, made in Star Comics questa volta. è stata annunciata al Lucca Comics 2016 ma senza date precise. Successivamente è stata confermata al Napoli Comicon 2017 per novembre 2017. Ma appena a settembre la notizia è stata confermata nuovamente con una discrepanza di uscita tra le due edizioni. Sailor Moon Regula Edition, cioè tale qualche a quella pubblicata qualche anno fa dalla GP, uscirà a novembre 2017 e conterà 16 volumi. Alcuni problemi sono sorti con Sailor Moon Eternal Edition che dovrebbe uscire gennaio 2018, la seria questa volta conterà 12 volumi e si mormora che dovrebbe costare 14€ ...ovviamente, quale voglio io? Ma la Eternal Edition!!



  • Cofanetti: A Silent Voice e Your Name

Altre novità in campo manga sono due cofanetti da collezione usciti recentemente e che meritano di essere segnalati. Il primo fra tutti è l'adattamento manga del celebre film d'animazione Your Name portato in Italia nelle ultime settimane dalla JPOP. Vi avevo già segnalato la notizia ma non c'era ancora una data precisa e l'improvvisa uscita ha sorpreso pure a me. La serie è composta da tre volumi acquistabili separatamente al prezzo di 6,50€ oppure tutti e tre insieme a 19,50€. È un manga da non lasciarvi scappare se siete dei veri appassionati di questo film!!


L'altro cofanetto fresco fresco arriva dalla Edizioni Star Comics e il manga (shonen) protagonista è A Silent Voice. Una coincidenza l'uscita di questo box? Ma proprio no, infatti in alcune sale italiane il 24 e 25 ottobre 2017, grazie a NexoDigital, uscirà il film anime di questo fumetto e vi consiglio di non perdervelo!
Il cofanetto conterrà i 7 volumi della serie, già editi dalla medesima casa editrice, e costerà la bellezza di 29€, contando che un volume solo costa 4,90€ con tanto di sovraccoperta.




domenica 1 ottobre 2017

Uscite ottobre 2017

Buongiorno e buona domenica ♥ oggi comincia ottobre e anche la mia voglia ufficiale di castagne. Quali manga verranno pubblicati in questo primo mese di ufficiale inizio autunno? Voi cosa prenderete? Ci sono ben due novità in vista e io non vedo l'ora di leggere Children of the Whales!
-I fumetti in grassetto sono i miei acquisti-


Planet Manga
Star Comics

giovedì 7 settembre 2017

Acquisti di Claire #27 - Ultimi volumi e serie complete

Buongiorno ♥ oggi quattro rapide chiacchiere su nuovi acquisti e ben due serie finite questo mese. Questi tre shoujo che vedete nella foto sono tre piccoli gioiellini che conserverò gelosamente nella mia collezione!

Non sono un angelo - Amami lo stesso - Dolce primo amore
Il dilemma della vità è: dove metterò queste serie complete??!


  • Non sono un angelo 1-8: questa serie l'ho recuperata completa questo mese ma non l'ho ancora letta. La volevo davvero da tanto, soprattutto per completare la collezione di tutte le opere della Yazawa reperibili in Italia (a parte Nana), quindi con questa posso dirvi che la missione è compiuta! Ora il vero dilemma rimane dove la incastrerò a fine lettura? Per il momento se ne sta beata sulla mia scrivania, ma dovrò trovarle un posto nella libreria, e sarà dura. Le altre opere della Yazawa che ho sono: Cortili del cuore, Paradise Kiss, Ultimi raggi di luna e Blue Marine. L'ho comprata su Ebay ad un prezzo super conveniente ed è arrivata in ottime condizioni anche essendo una vecchia serie. Spero di leggerla e recensirvela presto, mi è sempre stata consigliata!
  • Amami lo stesso 6-10: e io come farò senza la mia dose di ironia della Nakahara? Questo josei mi è piaciuto davvero tanto dall'inizio alla fine, una storia dinamica, divertente, dimostra che non è mai troppo tardi per migliorare, per crescere e per trovare se stessi e l'amore. L'ingenuità del personaggio di Shibata è stata portata davvero allo stremo in tutti gli aspetti dalla vita lavorativa, economica e sentimentale.  Ma nonostante tutto la protagonista pian piano cresce, cerca di migliorarsi con accanto una persona che la sprona ad aprire gli occhi.
    Questo josei ironizza poi alcuni aspetti del ruolo della donna in Giappone soprattutto legati al matrimonio, di come sia una tappa obbligatoria, fondamentale e importante, di come la famiglia enfatizzi e faccia pressioni per veder la figlia sistemata, ci come non possa stare sola e di come a 30anni non possa permettersi di cercare ancora l'amore perché è tardi. Mi era già capitato di leggere in alcuni manga la faccenda di incontri a scopo matrimoniale, di come una donna per realizzarsi totalmente abbia bisogno di un uomo non dell'amore, non di stare sola e cercare se stessa, e mi è piaciuto un sacco come la Nakahara ha trattato questo argomento, con un'ironia lascia pensare. Ad un certo, durante la lettura mi è venuto in mente Sex in the City con la sua Carry Bradshaw, ed è assurdo perché tra questo manga e la serie tv passiamo da un estremo all'altro.
    Parlando ancora in ambito femminile, devo citare tre donne molto diverse, totalmente opposte che entrano nella vita di Shibata: Akira quella molto più emancipata, determinata, folle e aperta sotto tanti aspetti, che cerca di spronare la protagonista dal punto di vista sessuale e con gli uomini; Haruko che incarna l'ideale perfetto di donna alla quale Shibata vorrebbe aspirare, bella, dolce, gentile, sistemata nella vita e pronta a rinunciare al lavoro per stare a casa dopo essersi sposata e per ultima Kadoma, la collega di lavoro dal carattere leader e deciso, che non solo ha un ragazzo ma anche ci convive non essendo sposata, una cosa impensabile la convivenza senza matrimonio in Giappone, quasi un tabù se avete presente il volume unico Cappuccino di Wataru Yoshizumi (di cui forse vi parlerò presto). Sono tre donne realizzate in maniera del tutto differente, tre donne che danno tre insegnamenti e visioni diverse della vita alla nostra protagonista. Magari tutte noi ci siamo concentrate troppo su Kurosawa, che si è importante, però questi tre personaggi femminili lo sono altrettanto e dovevo assolutamente spendere delle parole su di loro. 
    È un manga che come ben sapere dalla recensione, vi ho sempre consigliato caldamente, ma ora dopo averlo finito non posso che consigliarvelo ancora di più! (forse aggiungerò questo riflessione femminile nella recensione)
  • Dolce primo amore 11 e 12: ultimi due volume molto dolci come lo è stata l'intera serie, ho già in programma una recensione più approfondita per la prossima settimana e non vedo l'ora di farvela leggere. Farei solo una considerazione di questi ultimi due volumi: la storia si poteva concludere con un numero in meno. Il volume 12 l'ho trovato una forzatura ricca di cliché inutili che l'autrice ha voluto insesire come tentennamenti sessuali e matrimonio in grande stile. Era già scontato che queste cose sarebbero successe senza doverle per forza raccontare. Stonava terribilmente con ciò che succedeva nei volumi precedenti che invece ha portato a maturare i nostri due protagonisti, soprattutto lei, e rafforzare ancora di più il loro legame: SPOILER dopo esser stati inseparabili dalla nascita prima come migliori amici e poi come amanti, i due fanno i conti con il futuro e una relazione a distanza per permettere a lui di inseguire i suoi sogni, e affrontano tutto ciò in modo maturo senza troppo storie e credendo in ciò che li unisce (sarà che la mia situazione con il mio ragazzo è più o meno simile quindi mi ci sono ritrovata molto e ho apprezzato questa scelta della mangaka) SPOILER. Il fumetto nel complesso mi è piaciuto e mi ha emozionata molto nonostante la banalità, però peccato per questi cliché finali che per forza l'autrice ha dovuto mettere.
Abbiamo qualche serie un comune? Avete letto o completato qualche manga in questi ultimi mesi?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...