martedì 17 giugno 2014

Koibana by Nagamu Nanaji

Eccitata dall'idea che in autunno uscirà un nuovo fumetto di Nagamu Nanaji  qui in Italia, Aruito, questo pomeriggio in pausa dallo studio mi sono messa a spulciare nella mia libreria di fumetti in cerca delle sue opere che ho acquistato nel corso degli anni. Il primo che mi è saltato in mano è proprio Koibana e presa dalla nostalgia l'ho sfogliato volume per volume rispolverando la storia e poi  ho pensando "Facciamoci una recensione!"


Titolo: Koibana!
Titolo originale: Koibana! Koisayo Hanabi
Autore: Nagamu Nanaji
Casa Editrice ITA: Star Comics
Anno Pubblicazione ITA: 2010

"Hanabi è una liceale come tante ma con un unico serio problema: i ragazzi. Li odia profondamente e non vuole avere il benché minimo contatto con loro soprattutto durante il periodo della pubertà, per questo sceglie una scuola divisa in due corsi dove maschi e femmine stanno separati. Però questo non le impedirà de evitare totalmente i contatti con l'altro sesso anche perché per arrivare in classe deve attraversare il cortile e i corridoi. A complicare le cose sarà l'incontro con il popolare Chikai che proprio non gli andrà giù che la ragazza resti immune davanti al suo fascino e per questo comincerà a tormentarla e ammagliarla. Hanabi quindi si ritroverà tra i piedi proprio un odioso individuo maschile, ma sarà davvero così terribile? La nostra protagonista riuscirà a resistere a Chikai e a restare fedele ai suoi ideali?"


Allora comincio con il dire che non ero partita troppo entusiasta con questo fumetto, insomma un odio del genere per i maschi è davvero assurdo, quindi avevo già etichettato la protagonista come odiosa/lagna/stupida, ma non ho voluto mollare, anche perché la Nanaji mi ha fatto sognare con Parfait Tic e quindi non potevo non dare un seconda possibilità anche a Koibana! Con il passare dei volumi il manga diventa nettamente più gradevole, e non solo per la protagonista sopportabile dopo un po', ma anche per l'evoluzione dei personaggi secondari trattati benissimo e con molto spazio dedicato a loro. I disegni poi sono davvero un salto di qualità rispetto ai primi fumetti sella sensei, stupendi e curatissimi: li adoro!
La storia è semplice e leggera, un po' troppe fisse mentali ecco, ma quando Hanabi esce dal suo limbo di odio finalmente vediamo la luce splendente che è capace di emanare un vero è proprio shoujo, tra comicità e sentimenti c'è una vera e propria crescita interiore, una maturità che si nota pagina dopo pagina venire sempre più a galla, e non solo per la nostra protagonista ma per tutti i personaggi.
Il fumetto è composto da 10 volumi e la pubblicazione è conclusa in Italia. L'autrice ha fatto davvero progressi concludendo una storia in così "pochi" volumi se vogliamo ricordare i 23 di Parfait Tic che girano attorno al classico cliché del triangolo amoroso, quindi è un alto punto a favore per il mio portafoglio.
Lo consiglio solo a chi è davvero fan della Nanaji, penso che non sia indispensabile come Parfait Tic, è un buon manga si ma un po' scemotto soprattutto all'inizio.

2 commenti:

  1. Non è il classico shoujo che comprerei, però non sembra malissimo. Magari se me lo prestano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, se proprio gli vuoi dare una possibilità il prestito te lo consiglio in questo caso ...mette molti dubbi inizialmente su come valutarlo XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...