mercoledì 3 dicembre 2014

Anime: Glasslip

Oggi dedico un post ad un anime che ho appena finito di vedere e di cui vi voglio parlare, anzi mettere in guardia. Glasslip aveva tutte le premesse di un bel anime, dalla sigla, alla grafica, agli intrecci, il tutto condito con una bella spolverata di sopranaturale ma ...ma? Mi ha lasciato un po' perplessa ed è per questo che voglio recensirlo e voglio condividere le mie impressioni con voi.

Sachi,  Hiro, Imi, Yanagi, Tohko e Kakeru.


Titolo: Glasslip
Anno: 2014
Episodi: 13
Disponibilità: sub ita

"Le vite di sei amici si intrecciano in una calda estate. La nostra protagonista Tohko Funami è figlia di un artigiano vetraio e come il padre ama lavorare il vetro, Kakeru Okikura si è appena trasferito in città, Yanagi Takayama sogna di fare la modella, Imi Yukinari cerca di riprendersi ad un'infortunio in modo da continuare a frequentare il club di atletica, Sachi Nagayama ama leggere ed è debole di costituzione e Hiro Shirosaki lavora part-time al caffè di famiglia. L'arrivo di Kakeru comincerà a portare scompiglio e confusione nella vita di Tohko, e il tutto si ripercuoterà sui suoi amici d'infanzia alle prese con l'amicizia e i primi amori."




Negli ultimi anni, di anime con protagonisti gruppi d'amici misti, se ne sono visti parecchi e Glasslip è proprio uno di questi. Insomma già questo ci fa intendere che ci saranno intrecci qua e là che metteranno a dura prova la solidità del gruppo, per non parlare poi dell'arrivo di un nuovo coetaneo per ingarbugliare la situazione. Il piano sentimentale di ogni personaggio è già ben predisposto sin dalle prime puntate e facilmente intuibile, ma è un anime a cui non bastavano gli intrecci romantici per mandare avanti la vicenda.
L'incontro tra Tohko e Kakeru, personaggi più in rilievo rispetto agli altri, ci farà capire che l'anime vuole buttare dentro dal nulla una bella dose di sovrannaturale con "visioni del futuro" attraverso il vetro o oggetti comunque "luccicosi", cosa che legherà i due personaggi e li porterà a coltivare uno profondo legame l'uno verso l'altra. L'idea l'ho trovata carina all'inizio ma man mano che si va avanti non ci ho capito niente, insomma l'anime diventa sempre più frammentario e vago, e non si capisce dove vuole andare a parare dopo che quasi un intero episodio viene dedicato ad una visione piuttosto bizzarra dove i due protagonisti si invertono i ruoli (lei diventa la nuova arrivata e lui l'amico d'infanzia di tutti gli altri), insomma cosa centra con quelle che, fino all'episodio precedente, chiamavano "visioni del futuro"?
Il personaggio di Kakeru poi è decisamente piatto e freddo, le sue espressioni facciali sono totalmente inesistenti nonostante ammetta di essere innamorato: difficile da inquadrare! Mi ha deluso un sacco come protagonista maschile, mi aspettavo qualcosa di più.
Tohko invece l'ho trovata una normale eroina romantica, immersa sempre nei suoi hobby e in quella banale ma piacevole quotidianità. Non ho niente da ridire su di lei perché mi è piaciuta sin dall'inizio, forse un po' tonta ogni tanto ma  anche determinata quando si mette in testa qualcosa.
Degli altri personaggi c'è poco da dire, le loro situazioni sentimentali non fanno gran che strada in 13 episodi, qualcuno viene rifiutato, qualcuno si arrende e qualcuno continua a provarci, ci sono dei cambiamenti e miglioramenti si, ma davvero minimi ...insomma non si capisce se Hiro (il personaggio che mi è piaciuto più di tutti) sia riuscito a mettersi con la sua Sachi che a quanto pare era innamorata di Tohko ò.ò
Aggiungo ancora che ai polli che girano per la scuola è stato attribuito un ruolo decisamente troppo fondamentale, soprattutto nel far avvicinare i nostri due protagonisti ...assurdo lo so.

La grafica comunque è impeccabile! Mi è piaciuto un sacco il design dei personaggi, i colori e l'illuminazione, per non parlare dei luoghi che compongono la cittadina in cui si svolge la vicenda: davvero bellissimi e d'impatto. Le sigle di apertura e chiusura le ho apprezzate molto, e pure l'audio e il doppiaggio erano buoni. Insomma tutte caratteristiche che avrebbero fatto di Glasslip un buon anime se la narrazione degli eventi non fosse stava così vaga e poco  chiara.
Romantico, sentimentale, scolastico, slice of life, i temi erano buoni ma da metà anime in poi ti chiedi davvero dove vuole andare a parare e che fine ha fatto la trama principale (c'era una trama??)
Se davvero non avete di meglio da fare guardatela, al massimo potete dare una chance al primo episodio, ma se avete una lunga lista di anime che seguite/volete seguire, e Glasslip è incluso ...passate piuttosto ad altro, non è indispensabile.

2 commenti:

  1. Mi piacciono gli shojo con un po'di soprannaturale, ma per come ne parli tu penso che lo salterò.

    RispondiElimina
  2. anche a me, inizialmente l'ho scelto sia per la grafica sia per questo pizzico di soprannaturale, e ci sono rimasta decisamente male nel vedere come si è evoluto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...