domenica 27 dicembre 2015

2015 Shoujo Recap ♥

La fine dell'anno sta arrivando quindi è giunto il momento di qualche recap per tirare le somme di questi 12 mesi, e cosa c'è di meglio di una bella lista?
Comincio con il dire che è stato un anno di alti e bassi per il blog. Ho avuto qualche mese davvero vuoto e chiedo scusa a tutti voi, ma ogni tanto, quando si è agli inizi, capitano periodi bui. Però non ho voluto arrendermi, così a fine estate mi sono decisa di prendere questo mio impegno sul serio, perché sono felice di scrivere di shoujo manga, perché sono una romanticona che si emoziona per nulla e ha bisogno di sfogare i propri #feels, perché mi piace comunicare e condividere la mia passione con voi ...quindi grazie miei cari 21 followers (per me è un traguardo) per esservi uniti a me in questa avventura ♥ spero di avervi con me anche nel 2016!

E dopo queste smancerie e vaneggi commoventi, torniamo al post e alle domande che mi pongo (io mi faccio molte domande nella vita) su come è stato quest'anno tra me e i miei amati shoujo.

- Miglior shoujo letto? 
Orange di Ichigo Takano
Non ho dubbi a nominare questo fumetto come il migliore dell'anno, la scoperta dell'anno, pochi volumi e tanti emozioni. Orange mi è davvero entrato sottopelle e non vedo l'ora che arrivi febbraio per leggere l'ultimo volume. Non l'avete ancora letto? Affrettatevi!








- Peggior non troppo entusiasmante shoujo letto? 
Sugar Soldier di Mayu Sakai
Odio bocciare completamente un'opera, se dovessi parlarvi di quelli che leggo in scan allora ci sarebbe una lunga lista di cosa che seriamente non mi sono piaciute, se invece voglia attenermi ai miei acquisti direi che Sugar Soldier mi ha deluso. Lo leggo controvoglia e non mi entusiasma troppo, all'inizio lo trovavo carino ma siamo quasi al decimo volume e non ne posso più. Le battute finali cominciano poi a ricordarmi Rockin' Heaven della medesima autrice.




- Nuove serie iniziate? 
O meglio di danni del 2015, mi ero ripromessa di cominciare poche cose ma non ce l'ho fatta, c'erano dei fumetti che dovevo avere e per il momento sono soddisfatta.

  • Marmelade Boy: a marzo e uscita la ristampa di uno dei classici del mondo shoujo, dopo un po' di tentennamento iniziale mi sono decisa, non potevo non averlo.
  • Il filo rosso: lo aspettavo dall'autunno 2014, ma hanno posticipato l'uscita e finalmente nella prima primavera ho potuto prenderlo. Mi sta piacendo molto, forse perché è un po' diverso dai fumetti classici e sdolcinati che ci ha sempre proposto la sensei.
  • Il fiore millenario: preso alla fiera di Lucca quest'anno, i primi volumi mi stanno conquistando uno dopo l'altro, mi chiedo come ho fatto ad ignorarlo per così tanto tempo.
  • Dolce primo amore: alla fine l'ho preso! È una delle novità shoujo di questo autunno, ve lo devo ancora presentare con un post sui miei acquisti. Semplice, banalotto ma davvero molto dolce *vomita arcobaleni*
  • Shooting Star Lens: ecco un'altro shoujo, made in Ribon, acquistato in concomitanza con quello che ho nominato precedentemente. Banalotto anche questo ma davvero carino per il momento, parte bene e ha delle frasi molto coinvolgenti per descrivere l'innamoramento *cavalca unicorni rosa*

- Serie finite?

  • A un passo da te: mi sento soddisfatta di questo manga, tifavo per il terzo incomodo ma sotto sotto non mi è dispiaciuta la coppia finale. Ko si è addolcito molto negli ultimi volumi, sciogliendo le sue barriere glaciali. Davvero un bel shoujo! Recensione qui
  • Hoyokoi: forse un po' troppi volumi ma tutto sommato erano molto piacevoli. Un fumetto che fa davvero tenerezza, dove si respira l'innocenza più pura e candida. Mi ha lasciato piuttosto soddisfatta dai! Recensione qui

- Volumi unici?

  • Io ti salverò: una lettura piacevole e tranquilla, peccato che la storia breve che ho preferito sia durata poco. Recensione qui.
  • 4 amori puri per cui ho perso la testa e Chiki chiki banana: entrambi volumi unici di Mayumi Yokoyama. Me li avevano imprestati tanto tempo fa ma non ho resistito a comprarli, è un'autrice che mi piace molto, adoro sia le sue serie lunghe che le sue opere brevi, forse più queste ultime.

- Personaggio femminile preferito? 
Kuko (Aruito)
È complicata, il fumetto è in se complicato, tutto da seguire e scoprire attentamente. Lei vuole dimostrarsi sempre forte, allegra ed energetica, vuole trasmettere spensieratezza e felicità, ma ad un certo punto dovrà fare i conti anche con la tristezza e la sofferenza, fa tutto parte della sua crescita interiore alla fine, quindi alla fine è un personaggio molto forte e con tanta forza di volontà.







- Personaggio maschile preferito?
Toma (A un passo da te)  e Suwa (Orange)
Ve ne dico ben due, e entrambi sono personaggi secondari che in amore molto sfortunati, però non posso fare a meno che metterli prima di quelli maschili principali. Sono contenta che le autrici li abbiamo caratterizzati così bene senza lasciarli solo come sfondo o antagonisti. Non riescono a stare nel background della storia, emergono da soli e si fanno amare, fanno parte di quei "ragazzi d'oro" che tutte dovrebbero avere al loro fianco.





- Coppia preferita?
Ho solo solo i primi tre volumi di questo fumetto, uno dei miei acquisti recenti di questo autunno, però la coppia che ci viene presentata, lei una principessa coraggiosa, ribelle e ripudiata dal suo regno natale, e lui uno schiavo straniero dei capelli oro, mi lasciano sempre con il fiato sospeso. Amore a prima vista nei loro confronti!
Non abbiamo davanti uno shoujo manga normale, ma con ambientazioni storiche ispirate all'antica Cina, la quale ci regalano scene uniche e una storia d'amore (al momento appena accennata) ma totalmente diversa.
Anche escludendo il romanticismo, penso che proprio il rapporto tra questa coppia di personaggi padrona-schiavo, reciproca fiducia l'uno dell'altra, fino ad affondare in una profonda amicizia, renda A-ki e Hakusei una coppia unica nel loro genere. Sorriso come un'ebete ogni volta che c'è qualche scena carina tra loro, trasmettono davvero tanta gioia.

7 commenti:

  1. Che carino questo post! Mi sono segnata tutti i titoli! (Anche di quello che ti sta piacendo poco, perché non si sa mai! :) ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine è una questione di gusti, magari a te piace ^^

      Elimina
  2. Ho appena scoperto questo blog! Molto , molto carino, complimenti davvero ** Ho già spulciato un po' i post più vecchi :)

    Concordo comunque con la medaglia d'oro ad Orange <3 una serie che semplicemente amo, che mi commuove e mi scalda il cuore sempre. La Flashbook sa quanto ho "rotto le scatole" quando era ancora inedito (e sospeso) e sapere che tra qualche mese leggeremo la conclusione mi riempie di gioia <3
    Inutile dire che anche per me è il migliore uscito quest'anno ;D
    Secondo posto, per poco a dire il vero, per Lovely Complex **

    Sugar Soldier ** io lo adoro! Mi piace tanto tanto, fa uscire brutalmente la mia fangirl interiore e lo trovo sempre dolce, mai banale. Una Sakai ormai collaudata, totalmente in forma. Oddio, non ai livelli di Momo (o delle sue storie brevi, dove forse dà il meglio), ma senz'altro più matura che in Rockin'Heaven. Trovo la storia gestita molto meglio rispetto a quest'ultima serie, anche nelle tematiche, i personaggi sono molti anche qui, ma hanno molto più spazio. Non fraintendermi, mi è piaciuto anche RH ma più per ammmmmmore verso l'autrice, non lo consiglierei a tutti, ecco.

    La palma per il peggior titolo per me va, senza se e senza ma (vi prego non linciatemi) ad Ao Haru Ride. Da metà serie in poi il delirio veramente, banalità e noia a schiovere, "comprimari" che fanno da tappezzeria e protagonista maschile da uccidere. Futaba invece non mi dice proprio nulla nulla, menomale che c'è quel poveraccio di Toma a salvare un po' baracca e burattini... Peccato, perché i primi volumi li trovo anche adesso molto validi e la Sakisaka è un'autrice che, pur non adorando, di solito apprezzo...

    Miglior personaggio femminile... Mmmm... A me piace parecchio Naho di Orange, perché cresce parecchio nel corso della serie e apprezzo tanto la sua dolcezza, anche se mi rendo conto che non gode di troppe simpatie presso i lettori :( comunque non posso non nominare Risa Koizumi (<3 <3 <3), Hinata e Akari Kawamoto (anche se non fanno parte di uno shoujo manga) o anche le due Nana e Reira (la mia piccina <3). Inserisco anche loro tre perché il 2015 è stato l'anno del recupero di questa perla made in Yazawa ^^

    Come personaggio maschile invece scelgo, per la stessa ragione, Ren, Takumi e anche quel mattacchione di Otani. E anche Shun Iriya ** lo adoro! Toma mi piace, ma la mia simpatia per lui dipende anche dalla poca sopportazione che ho per AHR e i suoi personaggi. Ci sarebbero anche Suwa e Kakeru ma tra i due non so scegliere, quindi escludo entrambi ahahhah

    Tra le serie che ho concluso adoro Dreamin' sun, sempre della Takano, che consiglio sempre caldamente. Ah, poi ho recuperato tutto Love Button, che pure raccomando, e sto finendo Una stella cadente in pieno giorno, veramente carinissimo anche questo!

    Mi segno Aruito comunque :) mi attira abbastanza!

    Concludo con la coppia preferita... anzi, le coppie preferite: Risa/Otani, Naho/Kakeru, Azu/Hagita, Takumi/Hachi, Reira/Shin. E poi, anche se non sono e non saranno mai una coppia, Ren-Reira ** amo davvero il rapporto di amicizia, affetto e protezione reciproca che c'è tra questi due, sono dolcissimi insieme!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta in questo piccolo angolo del web ^^
      Alla fine è questione di gusti, io ho preferito Rockin' Heaven a quest'ultimo della Sakay, ma sarà semplicemente perché è lo shoujo che mi ha fatto amare questa autrice, Momo poi è l'opera più riuscita in assoluto ♥

      Risa Koizumi rimarrà nella storia come personaggio femminile *.* l'ho apprezzata anni fa ai tempi del debutto di Lovely*Complex, come si può non amarla? E vale lo stesso per Otani, anzi per il fumetto in generale: degno del successo che ha avuto!

      Ao Haru Ride ha il suoi alti e bassi, è cominciato bene ed è finito in maniera soddisfacente per me, ma nel mezzo c'erano cose che non mi sono andate giù più di tanto. Facciamo che il personaggio maschile per me è stato il problema XD infatti ho apprezzato l'antagonista, Toma, come hai notato, per molti aspetti che secondo me lo hanno reso un bel personaggio molto più profondo e ben costruito rispetto a Ko, più vero ecco, avrei davvero voluto che Futaba si lasciasse alle spalle Ko ad un certo punto.

      Dreamin' sun me lo segno io invece, Orange mi è piaciuto davvero tanto che voglio cimentarmi in qualche altra opera della Takano. Azu/Hagita sono adorabili, spero davvero in un "futuro diverso" per loro a questo punto, visto la speranza che trasmette Orange

      Spero di poter chiacchierare in qualche altro post :)

      Elimina
    2. Totalmente d'accordo su tutto, soprattutto su AHR ;D a un certo punto anche io ho sperato che tra Toma e Futaba potesse funzionare veramente, erano davvero dolci insieme ;_: Ko, nonostante il tipo di personaggio che rappresenta solitamente mi piaccia, lo pesterei anche adesso, tranquilla ahahahah

      Dreamin' sun non è al livello di Orange, non ti aspettare una storia con la stessa profondità o bellezza, perché altrimenti rischi di rimanere delusa :) io però lo trovo veramente valido come titolo, abbastanza diverso dal solito, spensierato, divertente con qualche riflessione. Il focus non è tanto l'amore (anche se ha molta importanza come tema ;) ) quanto la crescita dei personaggi, protagonista in primis. Se lo prendi facci sapere che ne pensi ;D

      Elimina
  3. Ho letto Orange, valeva davvero la pena, grazie! Suwa è fantastico, ci si rimane male per lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto ** il mio consiglio è stato utile. Si, Suwa è davvero un bel personaggio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...