lunedì 20 novembre 2017

Recensione: Cappuccino - Un caffè molto amaro

Buongiorno ♥ chi ha voglia di una recensione? Oggi vi propongo un altro volume unico josei firmato Wataru Yoshizumi (Marmalade Boy, Cuore di Menta, Cherish) recuperato recentemente. Mi sono davvero fissata con questa mangaka e piano piano sto recuperando le opere che mi mancano.


Titolo: Cappuccino
Titolo originale: Il Cappuccino
Autore: Wataru Yoshizumi
Casa editrice: Planet Manga
Anno di pubblicazione: 2010
Stato: concluso
Volumi: volume unico 

"Ari e Sousuke stanno insieme dai tempi dell'università. Dopo esser entrati nel mondo del lavoro però cominciano a vedersi sempre meno, riuscendo a coltivare poco la loro vita di coppia. Così decidono di andare a convivere, nascondendolo però ai genitori che non vedono bene la convivenza senza matrimonio. Ma questo è solo uno dei primi problemi che la coppia dovrà affrontare."



Secondo volume unico josei successivo a Cherish. Questa volta non ci sono storie brevi, ma un'unica storia che si snoda in più capitoli. Se Cherish tutto sommato era abbastanza spensierato, Cappuccino si è rivelato un josei molto più maturo, profondo e amaro.

La vicenda ruota attorno ad una giovane coppia formatasi ai tempi dell'università che continuano la loro storia anche dopo, quando entrambi verranno immersi nell'ambiente lavorativo. Ari e Sousuke si rendono conto che facendo lavori diversi con orari completamente diversi, fanno sempre più fatica a vedersi, così decidono di andare a convivere. E fin qui niente di strano, sembra una normale coppia attuale occidentale. Ma la convivenza non viene ben vista dai genitori di lei, e quando la scoprono non accettano la situazione senza la promessa di un matrimonio futuro. Ari vuole fare di testa propria e non vuole coinvolgere Sousuke nei suoi problemi familiari, ma sarà proprio il ragazzo a risolvere i conflitti presentandosi davanti al padre di lei e promettendo che ha tutte le intenzioni di sposare sua figlia, convincendolo che questa loro convivenza ha intenzioni serie.
La famiglia di Ari è felice, e anche lei, visto che fino a quel momento Sousuke non aveva mai accennato alla questione matrimonio: c'è speranza!

Comincia così la convivenza tra i due, i primi tempi sono una meravigliosa novità, ma piano piano le cose cambiano e abitudini non troppo belle cominciano a radicarsi della loro vita. Sousuke non aiuta Ari nelle faccende di casa, anche se finisce prima dal lavoro non le viene incontro preparandole la cena, e alla ragazza comincia un po' a pesare questa situazione ma tutto ciò che fa è sfogarsi con l'amica senza affrontare l'interessato. Ad Ari piacerebbe andare a mangiare fuori almeno una volta a settimana, fare cose di coppia insieme fuori di casa, però Sousuke si rivela un tipo molto casalingo che ama stare sul divano.
I due non parlano ovviamente, Ari lascia passare tutto ciò e la situazione non migliora. La vita continua ad essere monotona ed insoddisfacente, ma la promessa di un futuro matrimonio continua a mantenere viva Ari.

Sousuke se mi aveva colpita molto all'inizio per essersi presentato dai genitori di lei volevo ufficializzare la relazione senza crearle altri problemi, si lascia trascinare da una ragazzina delle superiori che cova una cotta colossale per lui, il suo insegnante del dopo scuola. Un sola uscita. Un solo appuntamento con una stupida scusa di fondo. Sousuke cade. Ari sospetta ma sta zitta perché dopo quel giorno il suo amato cambia radicalmente: le dedica più attenzioni, più tempo e la aiuta in casa e con le faccende domestiche. 

Ari lascia passare e continua a sperare nel matrimonio senza mettere pressioni a lui. Ma la ragazza delle superiori si ripresenta un anno dopo nella vita di Sousuke, ora è una bella studentessa universitaria e lui cede. Di nuovo. Peggio di prima. E lascio a voi immaginare.

Il fumetto così affronta i problemi della vita quotidiana instabile e imprevedibile di questa giovane coppia, affrontati con un certo realismo. Sono tutti eventi reali che possono capitare a chiunque, a qualsiasi coppia.
Se il manga parte con un Sousuke forte, finisce con una Ari molto più forte che quella insicura e debole che ci viene presentata, prende coraggio e afferra il toro per le corna, e mi è davvero piaciuta molto questa sua improvvisa determinazione, non più accecata dal matrimonio.

Con questo manga, Yoshizumi sensei, da davvero prova di riuscire a destreggiarsi bene anche con un'opera più matura che va oltre lo shoujo, un risultato molto migliore di Cherish perché è stata capace, in pochi capitoli, di creare una storia forte capace di lasciarci qualcosa e dei personaggi ben delineati.

Sapete, ho letto Cappuccino quando ero adolescente, alle superiori, e non mi è piaciuto per niente. Pensandoci adesso sono convinta che non non aver avuto la mentalità giusta per apprezzarla, un po' come mi è capitato per Paradise Kiss
Voi lo conoscete? Lo avete letto?

2 commenti:

  1. Conosco la mangaka ma non ho mai letto nulla di suo. Devo dire che questo mi incuriosisce visto che è un po' diverso dal solito! Grazie per avermelo fatto scoprire ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una mangaka molto shoujo, forse per questo l'hai sempre un po' schivata, ma devo dire che questo josei amaro di distacca completamente dal suo solito genere :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...