mercoledì 14 febbraio 2018

FIRST DATE SHOUJO TAG!

Buongiorno ♥ non avendo avuto tempo di pensare a qualche post geniale a tema San Valentino, ho deciso di proporvi questo tag che giaceva tra le bozze da un po' di tempo. Primi appuntamenti sommati alla festa degli innamorati sono due cose che vanno a braccetto, che dite? In origine era un book tag, ma come ben sapete a me piace adattare tutto a tema shoujo. Sentitevi tutti taggati e liberi di riproporlo poi sul vostro blog!


- IL PRIMO APPUNTAMENTO IMBARAZZANTE - Non è un brutto shoujo ma manca la scintilla: Sugar Soldier di Mayu Sakai
Ho sempre letto le opere di Sakai sensei e le ho apprezzate più o meno tutte, mentre questo suo ultimo shoujo pubblicato in Italia non mi ha soddisfatta. Sin dal primo volume, nonostante lo trovassi simpatico, sentivo come una mancanza, quel non-so-che che mi ha fatto adorare le sue opere precedenti come Momo e Rockin' Heaven, e andando avanti secondo me è diventato sempre più piatto riprendendo alcuni cliché dei suoi manga precedenti. Spero di leggere al più presto nuovi shoujo di questa autrice, e incrocio le dita per fare in modo che il mio interesse non cali drasticamente come è successo per Nana Haruta: sono due manga un po' simili che metto sullo stesso piano, ma per il momento la Sakai è in testa.

- IL PRIMO APPUNTAMENTO SCADENTE - Uno shoujo più brutto di quello che ti aspettavi: Hai presente Midori? di Go Ikeyamada
Il primo volume mi è stato regalato per il compleanno, e ammetto che un po' mi intrigava per due motivi: non si dice mai di no ad uno shoujo edito dalla FlashBook perché di solito meritano, e poi perché questo titolo era molto famoso il Giappone. Un manga ricco di cliché, di scenette senza senso che non fanno ridere, che sfocia nello smut più forzato e prevedibile dove la protagonista di lascia abbindolare come una scema ogni volta. Davvero brutto per me, peggio di I Love You, Suzuki-kun! della medesima mangaka!! Ringrazio solo che l'autrice non ha fatto mettere la protagonista con il bello-e-bastardo di turno.

- IL PRIMO APPUNTAMENTO BEN PREPARATO - Uno shoujo migliore di quel che pensavi: Butterly Effect di Giulia Della Ciana
In questo caso è uno shoujo-ai però mi permetto di inserirlo comunque proprio perché l'avevo snobbato inizialmente causa il genere, sono più per shonen-ai/yaoi, però alla fine gli ho concesso una possibilità e mi sono ricreduta. Consiglio di leggerlo ma di non fermarvi al primo volume, perché mi ha conquistata totalmente appena al terzo. È una storia davvero molto delicata come una farfalla, che si evolve piano piano e gioca molto sugli sguardi e sulle espressioni.

- BELLO MA STUPIDO - Uno shoujo bello fuori ma brutto dentro: Maid sama! di Hiro Fujiwara
Qua baro un po' perché uno shoujo davvero bello se si pensa alla storia sommata ai disegni dell'anime che mi ha fatta innamorare della serie, ma appena ho preso in mano il manga davvero non mi è piaciuto. Non mi sono piaciuti i disegni, la struttura delle tavole, il modo fitto fitto in cui erano strutturate le conversazioni. Quindi davvero bello se di guarda l'anime per me, ma brutto se si guarda dentro il fumetto.

- APPUNTAMENTI AL BUIO - Uno shoujo che hai comprato ad occhi chiusi: Arte di Ohkubo
Qui posso direttamente citare le mie Prime Impressioni su questo manga (lo so, è seinen ma va bene comunque), ovvero che l'ho preso a scatola chiusa, rapita giusto dall'ambientazione di una Firenze Rinascimentale. Un appuntamento al buio che mi ha soddisfatta proprio tanto!

- SPEED DATING - Uno shoujo che hai letto super velocemente: Lovely Complex di Aya Nakahara
Senza inserire Hanadan per la millesima volta, ho deciso di puntare su un altro titolo. Una volta scoperta quest'opera ho recuperare tutti i volumi usciti alla velocità della luce, divorandomeli giorno e notte: a letto, durante i pasti, in autobus, in classe. LovCom è davvero uno shoujo che sa conquistarti e sa mantenere vivo il tuo interesse pagina dopo pagina. Mi piacerebbe immergermi in una rilettura.

- IL RIMPIAZZO - Uno shoujo che hai letto troppo presto dopo una lettura importante e che non hai apprezzato: Tora e Ookami di Yoko Kamio
Sarà che sono rimasta fulminata e ammaliata da Hanayori Dango che adoro, e quindi subito dopo mi sono buttata su un'altro manga della stessa autrice che invece si è rivelato simpatico ma nel complesso non un granché, diciamo che mi aspettavo di meglio.

- IL TROPPO ENTUSIASTA - Uno shoujo che ci ha provato troppo: Ogni nostro venerdì di Arina Tanemura
Non sapevo se considerare questa categoria come positiva o negativa, così ho deciso da me per quella negativa. Solo a sentire il nome della mangaka, il mio entusiasmo non fa che crescere. È il classico manga che prenderei a scatola chiusa facendo la ola in fumetteria, dalle copertine bellissime e dai disegni di una delle mie mangaka preferite. Peccato che il mio entusiasmo si è spento molto velocemente perché la storia non era il mio genere, l'ho trovata quasi "sprecata" per questo tipo di autrice che riesce di solito a creare opere profonde condendole con un po' di fantasy: devo imparare a diffidare della Tanemura quando fa shoujo classici.

- IL PRIMO APPUNTAMENTO PERFETTO - Uno shoujo che per te ha fatto tutto bene: Hatsu Haru di Shizuki Fujisawa
Per il momento la mia relazione con questo manga continua a procedere a gonfie vele anche dopo aver raggiunto il volume otto. Non mi sta deludendo per niente e ha fatto davvero tutto bene. Spero che continui così, spero che la relazione tra i nostri protagonisti si stabilizzi sempre di più e spero che pure quelle dei personaggi secondari continuino sulla retta via. Non ho davvero di che lamentarmi (strano)!

- IL PRIMO APPUNTAMENTO UMILIANTE - Uno shoujo che ti imbarazza che ti sia piaciuto: Mermaid Melody di Pink Hanamori e Michiko Yokote
Da amante della MewMew e di Twin Princess non dovete sorprendervi. L'anime era davvero troppo lungo e dispersivo, ma il manga si è rivelato davvero bello, una piccola perla soprattutto per i disegni che io e mia sorella abbiamo letto e riletto fino alla sfinimento: le cover sono abbastanza disintegrate. Ora vado a nascondermi sotto un tavolo dopo questa rivelazione!


Siamo d'accordo con qualche titolo? Qual è lo shoujo più scadente che avete letto? E quello perfetto? Sicuramente quello che mi ispira di più conoscere è il vostro primo appuntamento shoujo più umiliante ♥

2 commenti:

  1. Anche per me Mermaid Melody è lo shoujo dell'imbarazzo... soprattutto perchè conosco a memoria tutte le canzoncine dell'anime anche se mi rendo conto del suo basso livello.. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi mettiamo su un coro, pure io le so tutte e ogni tanto dal nulla mi ritrovo a cantarle o.o

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...