sabato 6 dicembre 2014

Kyou no Kira-kun by Mikimoto Rin

Buon ...brrr che freddo o.o si, ormai l'inverno è decisamente arrivato miei cari lettori, quindi scaldiamoci una tazza di caffè (se siete studenti universitari è fondamentale per andare avanti u.u) e gustiamoci un buon shoujo! Oggi vi voglio deliziare con un manga inedito che ho avuto piacere di trovare su internet le scan tradotte in Italiano grazie a ColorfulScan: Kyou no Kira-kun di Mikimoto Rin. La mangaka è conosciuta da noi per il manga Close to you, rilasciato dalla GP Publishing nel 2013 (la pubblicazione è molto lenta come sempre). Era da un po' che cercavo qualche shoujo carino a cui dedicarmi e devo dire di averlo trovato! Si si, sono davvero soddisfatta di questa lettura :)


Titolo: Kyou no Kira-kun
Autore: Mikimoto Rin
Anno di pubblicazione: 2011
Magazine Giapponese: Bessatsu Friend
Volumi: 9
Scan Ita: by ColorfulScan

"Nino e Kira sono vicini di casa e nella stessa classe, ma non si sono mai parlati: lei è schiva, introversa e trasandata, con difficoltà nel relazionarsi col prossimo a causa di brutte esperienze passate; lui è bello, popolare, in apparenza freddo e con uno scomodo segreto. Il loro rapporto cambierà proprio quando Nino verrà a scoprire il triste futuro che spetta a Kira, decidendo così di stare vicino al ragazzo solo quanto lei ad affrontare le difficoltà della vita, condividendo insieme quegli ultimi 365 giorni."



Comincio col dire che è un fumetto delicato soprattutto per il tema tragico messo subito in evidenza sin dalle prime pagine. Di solito detesto quando uno dei personaggi è un malato terminale ma ultimamente mi sono resa conto di essere una calamita per questo genere di fumetti, e il bello è che li adoro ...quindi questo Kyou no Kira-kun non mi ha deluso!
Ho sentito molti paragonarlo a Secret Unrequited Love di Kotomi Aoki ma fidatevi che l'unica cosa che gli accomuna è la malattia del protagonista maschile. Invece a me ha fatto ricordare Hiyokoi per il fatto che lei sia piccolina e tanto timida, con grandi difficoltà nel fare amicizia, e lui il classico belloccio popolare.

La cosa che mi è piaciuta di più: Nino! La protagonista femminile ci viene introdotta come timida, insicura, isolata e trasandata, soprannominata dai compagni di classe come la "ragazza uccello" visto il pappagallo che porta sempre sulla spalla (che si rivelerà una specie di "grillo parlante"), ma pagina dopo pagina, e capitolo dopo capitolo, la nostra Nino si evolverà di bene in meglio. La forza di volontà che dimostra nell'aiutare Kira e di condividere con lui quel pesante segreto, la faranno diventare un personaggio coraggioso e determinato, che desidera solo sostenere ed aiutare il prossimo, che si preoccupa più della felicità altrui che della sua, insomma un gran personaggio. L'autrice, assolutamente geniale, ci fa trasmettere questa trasformazione di Nino e la sua voglia di cambiare tramite il suo taglio di capelli, cosa che mi è piaciuta particolarmente (insomma quando si taglia la frangia all'inizio penso che sia una delle scene più emozionanti *_*).
Del personaggio di Kira invece ho apprezzato molto il lato sensibile che l'autrice ha fatto emergere, e il suo rapporto con la malattia che cova al suo interno. La mangaka fa crollare totalmente la virilità di un ragazzo dimostrandoci quanta sensibilità è capace di nascondere.
Il rapporto tra i due comunque è ben costruito soprattutto per il fattore "tempo", insomma viene scandito molto bene in nove volumi, facendo di questo alto numero una quantità giusta per il genere di manga che ci troviamo di fronte non cadendo mai nel banale nemmeno con i personaggi secondari, e non facendo annoiare il lettore inutilmente. 

L'alternanza di situazioni tragiche viene compensato da scenette comiche e sequenze dolci, e sono proprio queste ultime che ci fanno trattenere le lacrime e sciogliere il cuore =w= insomma la struggenza secondo me viene allentata da positività e determinazione per un futuro felice e migliore dove non bisogna perdere mai la speranza, perché le cose possono sempre cambiare. I disegni a mio parere sono davvero molto belli, le espressioni dei personaggi sono molto particolari e davvero tanto curate a seconda della situazione!
In conclusione è uno shoujo che consiglio, e non bloccatevi all'aspetto tragico con cui viene introdotto, ma apprezzate l'opera nel suo complesso e quello che è capace di trasmettere: una lettura tutta d'un fiato che non vi deluderà, mie cari dipendenti :)

2 commenti:

  1. Non ho voglia di leggere un manga triste in questo momento, ma lo stile di disegno è molto carino.
    Sono anche un po'stufa dei bellocci freddi che scavando scavando hanno un lato dolce e una tragica storia a compensare il loro pessimo carattere.

    RispondiElimina
  2. io pure misto pure un po' stufando dello stereotipo del ragazzo "bello, freddo e tenebroso" e sto cercando di scovare qualcosa di nuovo ...mi in questo fumetto sono riuscita a reggerlo grazie alla fantastica protagonista!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...