domenica 6 novembre 2016

Le Cronache di Claire dal Lucca Comics & Games 2016

Buongiorno dipendenti ♥ ecco qui un altro, e ultimo, post dedicato al Lucca Comics & Games 2016. Se l’ultimo, e forse più interessante, era dedicato completamente agli shoujo manga annunciati durante la fiera, questo racconterà le avventure della vostra Claire, perché anche quest’anno ha avuto la fortuna di poter partecipare. Claire è stata in fiera due giorni, sabato 29 e domenica 30, partendo venerdì 28 sera. È andata in macchina da Trieste con quattro amici e ha alloggiato al Buenos Aires Hotel a Montecatini Terme, in pieno centro: rapporto qualità prezzo davvero ottimo.

Studentesse di Hogwarts svegli all'alba
Niente cosplay quest’anno, sono stata parecchio impegnata con la laurea quindi cucire era fuori discussione e a dire il vero ero anche a corto di idee, forse avrei portato ennesima versione di Love Live. Così io e le mie due amiche abbiamo ripiegato sulle divise di Hogwarts, io ero entrambi in giorni che sfoggiavo la mia tenuta da Serpeverde, mentre tutte insieme solo domenica, una Tassorosso e l’altra Corvonero. Niente Grifondoro, ma ne abbiamo incontrati tanti.

Sabato 29 siamo arrivati in fiera presto presto, 9/9.30 del mattino e abbiamo fatto colazione. Il mio programma per il primo giorno era molto semplice: comprare fumetti nuovi e raccogliere più autografi possibili. Tutto ciò è andato a buon fine!! Non c’era troppa gente sabato, o almeno meno rispetto a domenica, quindi la situazione era meno affollata del previsto, anche per le file.

Leo Ortolani
Soddisfattissima di avere finalmente l’autografo di Leo Ortolani su "Star Rats" dopo anni, un’ora di fila ovviamente ma ne è valsa la pena poter incontrarlo. Anche per Sarah Andersen, autrice di quelle simpatiche vignette, ho fatto un po’ di coda, ma meno male è stata scorrevole: lei ha un aspetto davvero molto dolce. E l’ultima terribile (la peggiore, si!) coda in solitario l’ho fatta per Mirka Andolfo che quest’anno non solo ha fatto uscire un volume extra di "Sacro/Profano" ma ha anche pubblicato un fumetto per la Panini Comics che mi ha già conquistata, "Contronatura". In più felicissima di aver trovato anche Elena Triolo, vignettista autrice di “Carote e Cannella” che seguo su Facebook.
Davide Sarti

Non ho incontrato la mangaka shoujo Kaoru Mori, avrei potuto incontrarla solo domenica ma alla stessa ora avevo un altro impegno molto ma molto più importante. Manga in generale non ho preso niente, solo uno perché mi mancava e con un po’ di fortuna l’ho trovato. Come sempre a Lucca mancano le “occasioni da fiera” per tutti i tipi di fumetti, manga compresi quindi visto che devo pagarli in ogni caso al prezzo di copertina, li compro comodamente in fumetteria nella mia città.

Monica Fumagalli
Sono riuscita poi a farmi autografare “La ceriminia del demone rosso” di Monica Fumagalli/Onigiri calibro 38 di OrgoglioNerd, libro sul folklore giapponese, e “Swan Power” di Davide Sarti che lavorava allo stand della Planet Manga.

La sera abbiamo assistito al concerto di Cristina D’Avena, cominciato tardi rispetto agli orari, e tutto sommato era simpatico ma non bello come mi aspettavo. Alcune canzoni non avevo alba (Chi è Annette sui monti?) e verso la fine hanno mixato a caso due canzoni assieme, una tra l’altro l’hanno incrociata con Greese che non centra davvero niente con i cartoni animati. Mi consolo con un breve minuto di Rossana e One Piece.



Domenica 30 era una giornata molto affollata, siamo sempre partiti presto e arrivati in fiera presto. La mattina l’abbiamo dedicata a il Japan Town che abbiamo saltato il giorno prima, e tutta quella parte della città: cazzate tentatrici a non finire ma la parte otaku che è in me è riuscita a non comprare niente, solo un portachiavi di Love Live, nessuna action figure …troppo brava (o povera, visti i soldi spesi il giorno prima per i fumetti!).

Circondata da ben quattro bellissime idol di Love Live ♥


Ma la vera punta di diamante della giornata è arrivata ad ora di pranzo. Conferenze per gli annunci manga? No, conferenza con Virginia De Winter che ha presentato il suo nuovo libro “La spia del mare” facendo coming out per la prima volta da quando si è affermata come scrittrice in Italia. Per suo rispetto, essendo davvero molto riservata, non posto nemmeno una foto, le conservo gelosamente.

Mirya è quella in rosso al centro
Davvero bella la sua conferenza e lei davvero una bellissima persona, era super emozionata, ovviamente ho preso una copia del libro con tanto di autografo. Però non è solo questa la bomba, perché all'incontro c’era anche una scrittrice self publishing che ammiro moltissimo: Mirya. Ora ho la copia del suo libro “Trentatré” autografata (leggetelo)!! Simpatica, ironica e disponibile, davvero come me l’ero immaginata, esattamente come si fa percepire sulla sua pagina di Facebook, insomma esperienza fantastica.
A questo incontro ho avuto il piacere anche di incontrare Annachiara, book blogger di Please Another Book, che mi ha aiutato con la mia tesi di laurea mesi prima: una ragazza dolcissima, estroversa e solare, all'inizio mi ha abbracciata e dall'emozione mi è andato in pappa il cervello (come sempre). Infine ho visto tanti cosplay, tante Harley Quinn di tutte le età e nessun Professor X o Magneto, tanto che mi sono comprata il Pop di quest’ultimo, il mio primo Pop in assoluto.
Domenica c’era davvero tantissima, ma tantissima gente, più degli altri anni ed è stata una fortuna dividere la fiera in due giorni, perché se si è interessati ai fumetti si perde tanto tempo solo per file.


Simpatici Pokemon, gruppo di Totore e un Quick Silver u-g-u-a-l-e a quello del film *A*

Come sempre, l’unica cosa che mi ha delusa sono state le non-occasioni per gli amanti dei fumetti: tutto a prezzo pieno, tutto a prezzo di copertina. Molto deludente perché alla fine ho comprato le novità che mi interessavano e di cui potevo avere l’autografo, ma molte altre cose lo ho lasciate là nonostante avessi parecchie serie manga da completare (tipo metti “prendi due paghi uno” e cose simili). La fiera di solito dovrebbe essere utile in altri sensi, e per la millesima volta Lucca non lo è stata, poi c’erano anche dei rivenditori che scontavano i fumetti, però ad altri sarebbe stato bello un “prezzo di lancio” o che so io.


Così anche il Lucca Comics & Games 2016 se ne andato e sono contenta di aver potuto partecipare, come sempre incrocio le dita che la storia si ripeta l’anno prossimo perché per me è un evento fondamentale. Lucca è magia e ossigeno per me, dove le mie passioni prendono forma, vita, dove sono circondata da persone che condividono i miei stessi hobby, dove non mi sento un estranea e fangirlare/nerdare solo internamento o sul blog, dove mentre fai un’ora di fila per un autografo conosci altre persone nella tua stessa situazione. Lucca è irrinunciabile per me.

***
Cosa ho comprato?

  • Un carinissimo Pop di Magneto (ogni collegamento a Michel Fassbender non è  puramente casuale, anche se ammetto che avrei voluto James McAvoy il Professor X)
  • Miss 2 di Hinako Ashiara
  • Ale e Cucca 1 e 2 di Elisabetta Cifone
  • La spia del mare di Virginia de Winter
  • Eis di Sabrina Sala
  • Carote e Cannella di Elena Triolo
  • Crescere che palle di Sarah Endersen
  • Sacro/Profano, nel nome del padre di Mirka Andolfo
  • Contro Natura di Mirka Andolfo

6 commenti:

  1. Che bella Lucca ç__ç io quest'anno non ci sono potuta andare. Avrei degli agganci per l'ospitalità, ma anche solo il trasporto a me costa parecchio (sto in Sicilia), altrimenti ci andrei tutti gli anni almeno un giorno.
    E' davvero un peccato che gli editori non facciano offerte particolari. A me è capitato solo con la Hazard alle fiere a Catania, infatti ho recuperato sia MW che la Principessa Zaffiro pagando 2 volumi invece di 3. Ho trovato anche qualcosa ai banchi che rivendono i volumi a 1 euro, ma bisogna avere il tempo per cercare come si deve!
    Non conosco Virginia de Winter ma mi hai incuriosita! Che tipo di libri scrive?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh il tempo a Lucca manca sempre per mettersi a frugare tra i venditori di fumetti, soprattutto perché i numeri sciolti in offerta non hanno mai una logica ben precisa e bisogna mettersi a cercare. Ecco mi basterebbero offerte come hai trovato u.u
      Comunque Virginia De Winter scrive romanzi con ambientazione storica e anche fantasy. Il suo ultimo è ambientato a Venezia Nel 1700 ed è una spy story, davvero molto bello anche se il suo stile è molto articolato e dettagliato non troppo scorrevole all'inizio, poi ci fai l'abitudine :) se hai intenzione di cimentarti in una scrittrice italiana e particolare te la consiglio ^^

      Elimina
  2. peccato non esserci andata quest'anno =( mi manca tanto =(
    però ho incontrato anch'io, un paio d'anni fa al Torino Comics, Mirka Andolfo, super simpatica, mi ha anche fatto un disegnino sul retro della copertina di Sacro e Profano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Lucca rimane sempre LA fiera per eccellenza italiana! Si, Mirka Andolfo è davvero simpatica e poi ti fa scegliere a te il disegnino che vuoi :D hai letto il suo nuovo fumetto uscito per la Panini Comics? *.* è davvero molto bello!

      Elimina
  3. Che bel racconto, invece le persone che conosco si sono lamentate della folla e del caos.
    Crescere che palle lo voglio assolutamente.
    Quicksilver è davvero uguale O_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Folla e caos e folla c'erano, però diviso in due giorni me lo sono goduta meglio :) So, QuickSilver era identico, non potevo non fermarlo per una foto :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...