venerdì 21 aprile 2017

Kodansha Manga Awards 2017: nomination categoria "Best Shoujo Manga"

A inizio aprile sono uscite le nomination del 41° Kodansha Manga Awards, legata alla famosa e grande casa editrice nipponica, la Kodansha. Le categorie sono sempre le stesse tra shoujo, shonen e generale. I vincitori verranno annunciati il 9 maggio 2017, e appena avrò la notizia sottomano vi farò sapere.

Anche l'anno scorso avevo dedicato un post alle candidature e alla fine il vincitore è stato "Watashi ga motete dousunda/Kiss him, not me" che quest'anno vede una pubblicazione italiana cura della casa editrice Goen. Ma ora focalizziamo sulla categoria Best Shoujo ♥ vediamo insieme i candidati e facciamo qualche speculazione.

Categoria Best Shoujo Manga



Omoi, omoware, furi, furare di Io Sakisaka
Magazine: Bessatsu Margaret (Shueisha)
Commento: il nuovo e popolarissimo shoujo di una delle mangaka più amate degli ultimi anni, come scordarsi di "Strobe edge" o "A un passo da te"? Quindi non mi sorprendo a vederlo nominato! Le protagoniste di questo manga sono due ragazze molto diverse e il loro rispettivo modo di vivere l'amore. Il fumetto è stato annunciato al Lucca 2016 dalla Planet Manga, e verrà pubblicato nell'estate 2017 in teoria, forse luglio o agosto. In Giappone siamo a quota 5 volumi in corso, e le scan italiane fino al capitolo 18 sono reperibili su FaceBook nella pagina "Omoi, omoware, furi, furare Italia", poi la traduzione è stata interrotta a causa dell'imminente pubblicazione italiana. Tra tutti quelli nominati, questo per me potrebbe essere il favorito alla vittoria (magari mi sbaglio, eh).



Deguchi Zero di Haruhi Seta
Magazine: Nakayoshi (Kodansha)
Commento: questo manga mi è totalmente sconosciuto rispetto a tutti gli altri nominati, qualcuno di voi lo conosce? Quindi ora come ora non ho davvero la più pallida idea di cosa dirvi perché non ho un'idea precisa. In Giappone siamo a quota 13 volumi ed è inedito in Italia. È uno shoujo sopranaturale dalle tinte horror che racconta la storia di Akabane Yuuhi, 15enne che sogna di intraprendere una carriera da attrice e viene pure accettata in una prestigiosa scuola di recitazione. Ma le cose nell'istituto non sembrano tanto normali, nulla è davvero come appare agli occhi della gente.



Harumatsu Bokura di Anashin
Magazine: Dessert (Kodansha)
Commento: questo lo conosco! Ho letto un po' le scan grazie al gruppo di Facebook "Shingeki no shoujo" che sono praticamente in pari con la pubblicazione nipponica che conta 6 volumi. Io penso di esser rimasta un po' indietro ma conto di recuperarlo. I disegni non mi piacciono molto e la protagonista la trovo insulsa, la cosa che mi ha colpito molto è il fatto che lo sport, il basket, è davvero molto centrale, ruota tutto attorno a quello e l'argomento è trattato molto bene rendendo la storia coinvolgente,. E poi si, i protagonisti maschili sono molto belli e ben caratterizzati. Non è male, neanche così tanto bene da aggiudicarsi un awards.




P to JK di Maki Miyoshi
Magazine: Bessatsu Friends (Kodansha)
Commento: non è la prima volta che ve lo nomino, se mi seguite saprete che ve ne avevo parlato tra i nuovi adattamenti shoujo in live action per l'inizio del 2017. Mi ha sorpreso trovarlo tra i nominati, mi ero documentata un po' e sembrava una cosa carina e simpatica, in sostanza è la storia d'amore tra una studentessa liceali e un giovane poliziotto, ma niente di che, sicuramente andrò a leggermi qualche capitolo per capire il segreto del suo successo. La pubblicazione in Giappone è cominciata nel 2012, e ora siamo a quota 9 volumi in corso, mi fa davvero strano non averlo mai sentito in questi cinque anni. Voi lo conoscete?

4 commenti:

  1. Conosco solo Omoi etc...di nome perchè ho letto Strobe Edge XD
    In effetti potrebbe essere un candidato con la vittoria in tasca, a meno che non vogliano lanciare qualche altra autrice.
    La storia del poliziotto, non so perchè, mi ispira X'D forse per la cover pucciosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tutti titoli abbastanza anonimi se non si considera il primo, ammetto di esser rimasta un po' delusa <.<'
      Mi hai fatto ricordare che devo recuperare Strobe Edge prima o poi :)

      Elimina
  2. Sto leggendo Omoi, omoware, furi, furare in scan in inglese, per ora lo trovo molto carino, ma non originale come Watashi ga motete dousunda. Watashi ga motete dousunda. Vedremo come va avanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Watashi ga motete sousunda era geniale, vittoria più che meritata l'anno scorso, almeno ci proponeva qualcosa di diverso e frizzante. Omoi è un classico shoujo, solo risalta parecchio visto come è cresciuta la popolarità della Sakisaka negli ultimi anni, anche io seguo le scan e lo trovo carino :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...