martedì 22 maggio 2018

Prime Impressioni #21: HoriMiya

Buongiorno ♥ oggi parliamo di una novità JPOP uscita proprio questo mese e annunciata LuccaCG 2017. Ero un po' indecisa se buttarmi su questo fumetto, ammetto che non ha suscitato il mio interesse all'inizio, ma molti di voi invece me l'hanno consigliato perché è uno shonen borderline: può piacere ad un pubblico shoujo, un po' come Bugie d'aprile o One Week Friends. E devo dire che questo primo volume di HoriMiya mi ha conquistata!

Titolo: HoriMiya
Autore: Hero e Daisuke Hagiwara
Casa editrice: JPOP
Uscita: maggio 2018
Volumi: 11 in corso

"Kyoko Hori è una bella ragazza, un modello sa seguire per i suoi coetanei a scuola, ma tutto ciò è solo apparenza perché a casa a mille cose da fare tra badare al fratellino, pulire e cucinare, non ha tempo per prendersi cura di se, e cerca di tenere nascosto questo suo lato della vita. Izumi Miyamura è uno studente silenzioso e schivo, interagisce poco e tutti pensano che sia un otaku, però è questa l'immagine che vuole dare di se in classe per non avere problemi visto che al di fuori è un tipo spigliato, eccentrico e con i pircing. Un giorno le strade di queste due ragazzi si incrociano e le maschere cadono, facendo conoscere all'altro chi sono veramente senza divisa scolastica."



Prime Impressioni

Se non mi fosse stato segnalato penso che avrei ignorato HoriMiya, non ne avevo mai sentito parlare eppure a quanto pare, era molto conosciuto al pubblico italiano grazie alle scan. Sono contenta di non essermelo perso, perché si è rivelato davvero una bella lettura.

Il manga è nato come webcomic, e dopo il suo successo è diventato cartaceo. Viene pubblicato dal 2011 e conta all'attivo 12 volumi ancora in corso in Giappone. Una pubblicazione abbastanza lenta che mi preoccupa, anche perché chissà con che cadenza lo farà uscire JPOP.

HoriMiya è una commedia scolastica che racconta giorno per giorno l'avvicinarsi di due personaggi che non sono quello che sembrano, la loro immagine è solo vittima delle apparenze e dei pregiudizi, ma a loro sta bene così. Il tema delle maschere, di nascondere il vero se stesso, non è nuovo nel mondo dei manga, si pensi al popolarissimo Le Situazioni di Lei e Lei, oppure a Switch Girl. In entrambi gli shoujo abbiamo protagonisti che vogliono apparire in un certo modo a scuola, ma che poi nella vita reale sono tutt'altro: anche questo è il caso di HoriMiya. Ma senza retini floreali. 

La nostra protagonista è Kyoko  Hori è una ragazza alla moda, bella, intelligente e spigliata, ben vista a scuola dai suoi compagni di classe che la prendono come punto di riferimento. Hori però partecipa raramente a uscite pomeridiane tra amici perché deve prendersi cura, tutta da sola causa problemi lavorativi dei genitori, di suo fratello e della casa. Così questa ragazza dalle apparenze principesche, si rimbocca le maniche e lava, cucina e fa la spesa, assumendo un aspetto trasandato che mai nessuno si aspetterebbe da lei. 
Se in classe Hori è un raggio di sole, Izumi Miyamura invece è un'ombra che desidera restare tale, con  suoi capelli troppo lunghi, i suoi occhiali, il suo abbigliamento sempre perfetto, e i suoi modi di fare pacati e silenziosi. Si tiene a distanza, lo tengono a distanza e sospettano che sia un otaku. Miyamura però non è così, la sua vera natura è totalmente diversa, è un ragazzo allegro e socievole con la pecca di avere pircing e tatuaggi che vuole nascondere, si sa che nella società giapponese, look eccentrici del genere non sono ben visti, e a quanto pare Miyamura preferisce essere etichettato come otaku che come teppista.
Il caso vuole, anzi a causa del fratello di Hori, i loro rispettivi segreti vengano svelati l'uno all'altro, e quel che è peggio è che il piccolo Souta prende in simpatia Miyamura tanto da farlo diventare ormai una presenza costante nella casa vuota di Hori.

È un fumetto senza troppe pretese che sa farsi apprezzare nella sua semplicità, con i problemi legati al quotidiano. I disegni sono molto moderni e semplici, senza retini eccessivi, che puntano tanto sulla comicità e le espressioni delle facce nelle varie situazioni. Nonostante il tema già visto, se ricordate i shoujo che ho citato qualche riga sopra, vi posso dire che Hori e Miyamura si differenziano come protagonisti, con caratteri e background molto diversi per giustificarsi (e quello di lui deve ancora venire fuori secondo me).

In compenso è un bel fumetto se cercate una lettura leggera, una commedia scolastica scorrevole, non sdolcinata e non demenziale. Mi ha incuriosita molto e non pensavo, vorrei scoprire ancora molte cose su questi due protagonisti e il loro rapporto con il mondo per "nascondersi", e soprattutto da brava shoujo lover, sento che ci regalerà anche del romance, e tra tutte le sdolcinerie che ci sono in giro mi attira davvero questa forma di romance più sobria.

Siete indecisi se acquistare questo manga? JPOP ha fatto delle anteprime gratuite di poche pagine che dovrebbero essere facilmente reperibili in fumetteria, se avete l'occasione prendetela!

Voi conoscete quest'opera? Ditemi che non sono la sola ad averla scoperta appena adesso!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...