mercoledì 30 maggio 2018

Recensione: Maria Antonietta - La gioventù di una regina

Buongiorno ♥ oggi è tempo di recensione e parliamo di un volume unico uscito questo mese per Star Comics, dalla celebre matita di Fuyumi Soryo (Mars, Doll, Tamara, Cesare). Ci buttiamo su un manga storico ambientato nella Francia del 1700 a seguire la vita di una delle Regine più chiacchierate di sempre: Maria Antonietta.


Titolo: Maria Antonietta - La gioventù di una regina
Titolo originale: Marie Antoniette
Autore: Fuyumi Soryo
Casa editrice: Edizioni Star Comics
Anno di pubblicazione: 2018
Stato: concluso
Volumi: volume unico

"Francia XVIII secolo. Maria Antonietta, figlia di Maria Teresa d'Austria, venne data in sposa da giovanissima al re di Francia Luigi XVI per stipulare un'alleanza tra le due nazioni. Ma chi era prima di diventare la giovane regina? Prima della rivoluzione francese, prima della lussuosa vita a Versailles, alla scoperta di una giovane non ancora regina."



Maria Antonietta è un personaggio storico molto discusso e conosciuto, ognuno di noi mentre studiava la Rivoluzione Francese a scuola sarà inciampato nella figura di questa regina, moglie di Luigi XVI, che si perdeva tra i lussi della sfarzosa Versailles senza preoccuparsi del suo popolo, con la drammatica fine alla ghigliottina. E al posto del pane voleva dare brioches!

Per noi shoujo lover poi è un personaggio che è entrato nella nostra cultura manga grazie a Lady Oscar, il ruolo di Maria Antonietta era fondamentale e centrale nell'intera vicenda, e se amate il cinema è impossibile che vi siate persi il film di Sofia Coppola con una giovane Kristen Dust. Insomma Maria Antonietta ce la propongono in tutte le salse, è impossibile non averne sentito parlare in qualche modo, forse perché è un personaggio con un certo fascino: l'austriaca che diventa regina di Francia da giovanissima.

Soryo sensei ha deciso di riprendere in mano Maria Antonietta e farla sua, non focalizzandosi sul periodo della Rivoluzione ma prima, molto prima, portandoci a Vienna e immergendoci negli ultimi anni attimi della giovane Antonia, figlia di Maria Teresa d'Austria, a casa sua con i suoi fratelli. In questo volume si nota molto bene il cambiamento improvviso della vita di questa ragazzina, da una realtà all'altra, con i suoi pensieri, modi di fare e angosce.

Il volume si apre con alcune pagine che ritraggono Maria Antonietta e Luigi nel futuro con i figli in un ambiente molto intimo, il Petit Trianon, una villa all'interno di Versailles costruita dal Re per la sua Regina regalandole la libertà  e la privacy tanto sognata, e sottolineando che la sua famiglia sono tutto ciò che le importa davvero nella vita. Marca bene il concetto che in quelle stanze c'è tutto ciò che lei possa desiderare, lontano dalla rigida vita di corte dell'inizio.

Così veniamo trasportati indietro nel tempo, prima a Vienna, poi in Francia, e per finire a Versailles. La giovane Antonia abbandona l'Austria e diventa delfina di Francia all'età di soli 14 anni, incastrata in un matrimonio che parte male, e in una vita fatta di mille regole e nessuna libertà. Non ci si può fidare di nessuno a Versailles, tutti sono pronti a parlare alle spalle del prossimo. Maria Antonietta rimane allibita da tutto ciò, essere Regina non fa differenza con le mille regole che impone la corte. Si ritroverà a lamentarsi cercando conforto in suo marito, ma anche con lui è difficile far valere la sua opinione. Entrambi giovani, entrambi troppo precoci per regnare, Luigi ha altro per la testa e la sua nuova moglie non sembra essere tra le priorità. Si percepisce molto l'acerbità e la freddezza della coppia, due persone che si sono conosciute e sposate lo stesso giorno, che non hanno niente in comune a parte il  letto e il trono. Mi è piaciuto come la Soryo in poche pagine sia riuscita ad avvicinarli, a creare un'intesa, un punto di incontro tra Maria Antonietta e Luigi, coppia che viene sempre descritta molto fredda e distante, mentre qui invece l'ho trovata tenera.

Il punto forte però di questo breve manga sono i disegni, e possono benissimo parlare da soli: incantano! Lo stile della Soryo l'ho trovato davvero adatto per la realizzazione di un manga di tipo storico, la cura maniacale dei dettagli e soprattutto delle espressioni comunicano meglio delle parole. Riusciamo a scorgere tutta l'ansia e l'angoscia di Maria Antonietta, i suoi modi di fare molto infantili adatti alla sua età, l'amore verso la famiglia e il disgusto che prova nei ragionamenti della corte francese (da notare la sua faccia nella scena dove le cade il ventaglio).
Dietro a queste poche pagine c'è stato davvero un grande lavoro di ricostruzione e ricerca, lo si può notare nelle pagine extra che compongono la fine del volume, un piccolo approfondimento dettagliato che ho gradito molto, compresa la bibliografia.

Ma la cosa che ho amato di più sono stati gli sfondi, mi sono ritrovata a fissare imbambolata la magnificenza di certi background, da Vienna a Versailles, quest'ultima l'ho vista dal vivo durante un mio viaggio in Francia, ne sono rimasta stupita e impressionata a vederla così ben disegnata perché ho amato tantissimo la visita alla Reggia e ai giardini: mi ha emozionata un sacco! Se qualcuno si permette di insultare i manga dategli in mano questo volume unico e poi che provino a dire che il fumetto non è una forma d'arte ed è infantile! (io l'ho fatto).

Maria Antonietta è un volume unico che vorreste non finisse mai, avrei voluto leggere e leggere ancora molto di più, è stato troppo breve. È uno shoujo che rompe un po' gli schemi delle uscite in fumetteria del momento, perché è un manga storico, molto curato perché vede in collaborazione Giappone, Francia e il museo stesso di Versailles per i materiali forniti. Costa 7€ ma per l'edizione vale la pena, la Star Comics è stata molto brava, poi se siete appassionati della Rivoluzione Francese e di questa regina, diventa imperdibile.

L'avete preso? Cosa ne pensate?  

3 commenti:

  1. Il volumetto l'ho preso ma al momento è in casa-base, perché è un regalo per mia sorella XD appena ritorno giù per le vacanze lo leggo però, perché mi incuriosisce tanto ed è la volta buona che inizi a leggere la Soryou!
    Poi visto cuc seguo Innocent, sarà divertente studiare le differenze tra la versione molto realistica della Soryou e quella sopra le roghe di Sakamoto! :)

    Complimenti per la recensione (e per aver difeso il fumetto u_u9)!!

    RispondiElimina
  2. Io lo avrò il mese prossimo perchè quando sono andata in fumetteria (ci vado una volta al mese perchè è in un'altra città) non c'era ancora!
    Non vedo l'ora di leggerlo!

    RispondiElimina
  3. E' in wishlist! Conto di recuperarlo nei prossimi mesi. La tua recensioni ha alzato le mie aspettative (ed anche la certezza di acquistarlo presto!)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...